ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Sorpresi dai carabinieri mentre tentano rapina in una sala scommesse, arrestati due astigiani

27 dicembre 2017

Nel giorno di Santo Stefano i militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Canelli, in collaborazione con quelli della Stazione di Nizza Monferrato, hanno arrestato in flagranza di reato M.L. di anni 24 di Nizza M.to e B.M. di anni 52 di Calamandrana per tentata rapina ad una sala scommesse di Alessandria.

Dopo una lunga attività di indagine con pedinamenti durati diverse ore, i militari hanno sorpreso M.L. mentre stavo entrando in una sala scommesse travisato da passamontagna ed armato di pistola mitragliatrice. Appena accortosi della presenza dei carabinieri il giovane tentava la fuga a bordo di un’autovettura condotta dal complice B.M che lo aspettava all’esterno, ma dopo breve inseguimento per le vie cittadine venivano bloccati dai militari dell’Arma.

La successiva perquisizione personale e presso il domicilio permetteva di recuperare la somma di 1300 euro circa in contatni, indumenti idonei al travisamento, l’arma usata per la tentata rapina, spray urticante e 3 grammi di hashish per uso personale.

 Sono in corso le indagini da parte degli inquirenti per capire se i due arrestati siano anche gli autori della serie di furti commessi ai danni delle sale scommesse in questi ultimi due mesi nella provincia di Asti.
Al termine delle formalità di rito, i malviventi venivano dichiarati in stato di arresto e associati presso la Casa circondariale di Alessandria e Torino a disposizione dell’A.G.
Lo Staff: CifoneNews

Condividi

Articoli correlati

Video