ultime notizie

Attualità, In Evidenza, Redazione, Sports

Finale Euro 2024, Spagna-Inghilterra: il vincitore secondo i bookie di Fantasyteam

Attualità, Cultura, In Evidenza, Redazione, Sports

Luci a San Siro Trotto Grand Opening: Snaitech celebra il nuovo volto dell’Ippodromo Snai San Siro con una grande serata di sport, musica e cultura

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Scommesse, Tar Sicilia accoglie ricorso CTD: “Decisione Questore su chiusura attività si basa su norma suscettibile di disapplicazione in virtù della prevalenza del diritto comunitario”

Attualità, Forze dell'ordine, In Evidenza, Redazione, Salute

Torino: sequestrate sei slot non collegate alla rete, elevate sanzioni per 99.000 euro

Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza, Salute

Cilento, puntate illegali in un centro scommesse: sequestri e sanzioni per 50mila euro

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Salute

Bragg Gaming, accordo con 711.Nl per il lancio di Kambi Sportsbook nei Paesi Bassi

Astro, appello alla Regione Piemonte: «Vanno tutelate le imprese e i dipendenti condannati alla perdita del lavoro»

ROMA – Gestire la situazione delle imprese che accuseranno l’entrata in vigore della legge regionale, i cui effetti impongono lo stop a migliaia di slot machine. È quanto chiede l’associazione di gestori Astro in un appello alla Regione Piemonte, dove oggi cominciano a operare le disposizioni sul “distanziometro”.

Astro ricorda la recente presa di posizione di Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Mef, che ha invitato la Regione a rispettare l’intesa raggiunta in Conferenza Unificata: «Astro ringrazia il sottosegretario – si legge nella nota dell’associazione – Le sue dichiarazioni, che evidenziano l’incompatibilità tra l’espulsione abolizionista e l’intesa siglata in Conferenza Unificata, sono approvate e sostenute dall’Associazione  degli operatori, alla quale, in queste ore che precedono il “game over”, non resta che elevare un appello alle Istituzioni affinché sia almeno “gestita” la sorte dei dipendenti e delle imprese condannate alla perdita del loro lavoro». Astro ricorda poi il caso della Liguria: anche lì «c’era una legge votata da tutti, come in Piemonte, ma è bastato prendere atto dei danni che avrebbe provocato la conferma di una legge proibizionista per decidere di cambiare».

Lo Staff: CifoneNews

Condividi

Articoli correlati

Video