ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità

Bari Japigia, colpi d’arma da fuoco contro auto. Ferito 20enne

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Decreto Dignità, Il Messaggero: “Dopo lo stop alla pubblicità, si valuta emendamento Pd per riduzione del 50% dei punti vendita di gioco”

Arriva un altro slittamento allo sbarco in Aula del Decreto Dignità. L’arrivo è previsto infatti per la settimana prossima, lunedì 30 luglio. E si dovrebbe andare non solo verso una conferma dello stop alla pubblicità per i giochi ed alle sponsorizzazioni, ma si sta valutando l’approvazione di un emendamento presentato dal Pd per ridurre drasticamente l’offerta di gioco legale sul territorio. Riduzione di quasi la metà dei punti vendita dei giochi – come riporta Il Messaggero – con un tetto di 55mila negozi, nel quale andrebbero ricompresi 34mila tabaccai. L’emendamento ripercorre la strada dell’ex sottosegretario al Mef Baretta prima che il Governo Gentiloni scadesse, ma la proposta fu bloccata dalla Ragioneria dello Stato perché costava circa 2 miliardi. Secondo l’emendamento del Pd invece, il gettito rimarrebbe invariato. /Fonte Agimeg

25.07.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Condividi

Articoli correlati

Video