ultime notizie

Attualità, In Evidenza, Redazione, Sports

Finale Euro 2024, Spagna-Inghilterra: il vincitore secondo i bookie di Fantasyteam

Attualità, Cultura, In Evidenza, Redazione, Sports

Luci a San Siro Trotto Grand Opening: Snaitech celebra il nuovo volto dell’Ippodromo Snai San Siro con una grande serata di sport, musica e cultura

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Scommesse, Tar Sicilia accoglie ricorso CTD: “Decisione Questore su chiusura attività si basa su norma suscettibile di disapplicazione in virtù della prevalenza del diritto comunitario”

Attualità, Forze dell'ordine, In Evidenza, Redazione, Salute

Torino: sequestrate sei slot non collegate alla rete, elevate sanzioni per 99.000 euro

Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza, Salute

Cilento, puntate illegali in un centro scommesse: sequestri e sanzioni per 50mila euro

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Salute

Bragg Gaming, accordo con 711.Nl per il lancio di Kambi Sportsbook nei Paesi Bassi

Giochi, governo e sindaci nel mirino

«La colpa è di sindaci e questure che autorizzano aperture selvagge di sale slot. Le amministrazioni omettono di limitare le aperture e danneggiando così la salute dei cittadini» è il commento del Codacons allo studio del Cnr. L’ associazione dei consumatori ha annunciato una «raffica di denunce contro le amministrazioni locali. Il gioco d’ azzardo è e rimane una grave piaga del nostro paese e troppo poco è stato fatto dalle istituzioni per tutelare i cittadini». Secondo parlamentari 5Stelle Francesco Silvestri, Massimo Baroni e Giovanni Endrizzi «di fronte al continuo boom dell’ azzardo è ora che ogni livello istituzionale si faccia carico di questo enorme problema che danneggia in primis l’ economia reale e legale. Ogni euro azzardato dicono i pentastellati – è un euro levato dall’economia produttiva, come spiegano le ricerche del professor Maurizio Fiasco, denaro che sempre più spesso anche dalle porte legali entra nei circuiti delle mafie. È prioritario intervenire vietando immediatamente la pubblicità ad ogni livello, a tal proposito abbiamo già depositato una proposta. /Fonte Codacons

04.02.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Condividi

Articoli correlati

Video