ultime notizie

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Redazione

Altenar, un prodotto personalizzabile chiave del successo

Attualità, Economia, Gaming, Redazione

America Latina, mondo del gioco a confronto al Gat Caribe Cancun

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza

Finale in grande stile ad Amsterdam per iGb live, la ‘casa’ del Gaming

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

Messina, sequestrati 8 centri scommesse non autorizzati…

I finanzieri hanno eseguito un blitz che ha portato alla denuncia di sei persone. Le giocate venivano raccolte all’interno di internet point e sale biliardo attrezzate con postazioni abusive

Otto centri scommesse operavano senza autorizzazione in provincia di Messina. Sono stati scoperti e sequestrati nell’ambito dell’operazione “Gioco Sporco 2”. Sei le persone denunciate per esercizio abusivo di gioco e scommesse. Il blitz dei finanzieri è scattato in tre centri siciliani: Barcellona Pozzo di Gotto, Terme Vigliatore e Merì.

I centri scommesse abusivi

Gli esercizi commerciali apparivano come normali sale da biliardo o internet point. In realtà erano centri scommesse, come confermato anche dai registri della contabilità in nero (che tracciavano le somme raccolte) e dalle ricevute delle giocate. Dai controlli è emerso che i responsabili dei centri abusivi svolgevano il ruolo di intermediari tra i giocatori e il sistema di puntata: ricevevano le puntate da parte dei clienti, ma utilizzavano conti e account personali per accedere al sistema. Negli stessi locali sono stati individuati e sequestrati anche cinque videopoker installati in assenza di autorizzazione.

Sanzioni per 150mila euro

Complessivamente sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 150mila euro. Dodici, le postazioni scommesse sottoposte a sequestro. Per le indagini è stata fondamentale l’analisi tecnica delle postazioni di gioco, svolta anche con l’ausilio dei funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Messina, che ha permesso di rilevare collegamenti diretti a piattaforme di gioco online e di ricostruire la cronologia delle scommesse effettuate. È stato così possibile dimostrare che gli esercenti avevano predisposto le apparecchiature per consentire ai clienti di scommettere e giocare anche in assenza delle concessioni.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video