ultime notizie

Attualità, Gaming, Salute

Gemmato: “Pubblicità funzionale a promuovere gioco sicuro”. Quartini: “Risposta vergognosa”

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Veneto: siglato Protocollo d’intesa per contrasto al gioco d’azzardo tra ADM e GDF

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Slot e scommesse illegali. La camorra pagava 5 euro al giorno a prestanomi: 17 indagati, 7 arresti

Attualità, Economia, Gaming

Senato, ADM presenta simulazione con riduzione costi di concessione. “Comporterebbe la diminuzione delle entrate erariali”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming, Salute

Camera, Quartini (M5S): “La nuova normativa ‘educa’ il giocatore, sottovalutando l’aspetto patologico del fenomeno del gioco”

Attualità, Gaming

Alesse (ADM): “contrasto al gioco patologico, aumento livello di sicurezza e contrasto frodi”

TORINO: IN UN BAR DI VIA REISS ROMOLI UNA LOTTERIA CLANDESTINA, SLOT MACHINE IRREGOLARI E DROGA

Il locale era un “bacino” di illegalità su tutti i fronti il cui proprietario è un pregiudicato così come gli abituali frequentatori..

Armi, slot machine fuorilegge, droga, una lotteria clandestina, ma anche furto di energia elettrica: è quanto è stato scoperto dalla guardia di finanza di Torino in un bar di via Reiss Romoli. Il proprietario è un pregiudicato (già noto alle forze dell’ordine per rapina e traffico di droga), così come alcuni degli abituali frequentatori. Sequestrate 15 videoslot illegali totalmente scollegate alla rete telematica e installate senza alcuna autorizzazione.

Inoltre nelle cantine del locale sono state rinvenute armi da fuoco con le matricole mancanti e una katana, la spada giapponese dalla forma ricurva. Tra la merce sequestrata anche una cinquantina di orologi, di note marche pregiate, di dubbia provenienza.

Nel corso dell’intervento sono stati identificati numerosi avventori del bar: uno di questi è stato segnalato perché trovato in possesso di alcuni grammi di hashish.

Durante gli accertamenti, i finanzieri hanno altresì scoperto che il proprietario del locale, per ridurre al minimo i «costi di gestione» del bar, si era collegato abusivamente alla rete elettrica condominiale.

Il cinquantenne proprietario del locale di via Reiss Romoli aveva organizzato all’interno del locale un vera e propria lotteria a premi, collegata all’estrazione del lotto nazionale, completamente abusiva: le sanzioni amministrative a suo carico superano i 250.000 euro.

03.04.2018, la Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video