ultime notizie

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Attualità, Gaming

Spagna, la Corte Suprema annulla alcune restrizioni del decreto sul gioco d’azzardo

Attualità, Attualità e Politica

Bari, Conte: “Dove ci sono zone grigie non ci può essere il Movimento 5 stelle”. Fuori dalla giunta

Attualità

Guerra. WSJ: “Israele si prepara a un attacco dell’Iran in 24-48 ore”.

Gioco d’azzardo: Mirabelli (Commissione antimafia), “una nuova legge è necessaria per arginare i profitti della criminalità”

Milano – “La criminalità organizzata trova nel gioco d’azzardo legale moltissimi spazi di attività che richiedono un intervento serio da parte del legislatore”.

A lanciare l’allarme nel corso della terza edizione degli stati generali per il contrasto al gioco d’azzardo, in corso nella sede di Anci Lombardia a Milano, è stato il senatore Franco Mirabelli, componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle mafie e sulla criminalità organizzata.

“Senza una legge complessiva  ha proseguito  diventa complicato affrontare il tema che sta a cuore a tutti i noi: diminuire la domanda e l’offerta di gioco in questo Paese”.

Secondo alcune indagini, passate al vaglio della Commissione antimafia, la criminalità organizzata utilizzerebbe il gioco e, in particolare, le slot non solo per creare profitti illeciti, mediante la modifica delle schede, ma anche per il riciclaggio del denaro frutto di altre attività illecite.

Per Mirabelli è necessario intervenire diminuendo il numero delle slot e inserendo “l’obbligo per l’accesso remoto così da limitare la manipolazione delle macchine”.

“Inoltre – ha proseguito il senatore sono necessari maggiori obblighi per la certificazione delle sale mentre le forze di polizia, anche locale, devono avere chiari poteri di intervento”.

“Sono dispiaciuto ha concluso Mirabelli che l’intesa Stato-Regioni non si sia tradotta in un decreto che avrebbe consentito un riordino complessivo del settore. Ma non partiamo da zero: questo è un tema che deve essere prioritario per il prossimo Parlamento indipendentemente da chi vada al governo”.

29.01. 2018

Lo Staff: CifoneNews

Condividi

Articoli correlati

Video