ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Jesolo (VE): entra in vigore oggi il regolamento comunale in materia di giochi

Entra in vigore oggi a Jesolo, nella provincia di Venezia, il regolamento comunale in materia di giochi, approvato dal Consiglio comunale lo scorso 30 aprile. La normativa fissa i seguenti orari di apertura per le sale giochi e scommesse: tutti i giorni, festivi compresi, dalle 12:00 alle 24..00. Mentre, gli apparecchi da gioco possono essere tenuti in funzione tra le 10:30 e le 22:30, festività incluse e devono essere spenti e disattivati al di fuori di questo periodo di tempo. Nel rispetto di queste fasce orarie, i titolari delle attività hanno la facoltà di scegliere il proprio orario di apertura e chiusura che, una volta adottato, deve essere reso noto al pubblico con l’esposizione di apposito cartello visibile all’esterno. Il testo fissa il distanziometro a 500 metri di distanza dai luoghi ritenuti sensibili quali gli istituti scolastici di qualsiasi ordine e grado; i luoghi di culto; gli impianti sportivi ed i centri giovanili o gli altri istituti frequentati principalmente da giovani e tra questi anche i patronati e gli oratori; le strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socioassistenziale, le strutture ricettive per categorie protette; i giardini, i parchi e gli spazi pubblici attrezzati e non, altri spazi verdi pubblici attrezzati e non; i siti museali; le caserme, le aree a servizi, le cliniche, i luoghi di particolare valore civico. A 200 metri, invece, da sportelli bancari, postali o bancomat, agenzie di prestiti di pegno o attività in cui si eserciti l’acquisto di oro, argento od oggetti preziosi, o da altre apparecchiature eroganti denaro contante. /Fonte AGIMEG

25.05.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Condividi

Articoli correlati

Video