ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità

Bari Japigia, colpi d’arma da fuoco contro auto. Ferito 20enne

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Marcotti (Federbingo): Pronti ad una mobilitazione se Di Maio non sara’ disposto ad ascoltarci

‘Giovedì  si è tenuto a Roma il primo incontro del settore con i sindacati. Essendo il coordinatore del tavolo mi sento in dovere di relazionarvi in merito’ . E’ quanto premette Italo Marcotti, operatore del Bingo, presidente di Federbingo e coordinatore di un tavolo con le rappresentanze sindacali. ‘I sindacati hanno convocato il settore per comprendere le motivazioni per le quali le territoriali riportassero ai nazionali numerosi licenziamenti e segnalazioni di crisi da parte delle aziende del settore del gioco legale. Abbiamo illustrato loro la grande difficoltà in cui versiamo a causa di:
1. norme locali che limitano o cancellano l’offerta;
2. Ennesimo ed insostenibile incremento del preu;
3. Divieto di pubblicità.
I sindacati chiederanno l’apertura di un tavolo di crisi al MISE del Ministro Di Maio. Dal mese di settembre e sino alla chiusura della legge finanziaria 2019 sarà il periodo in cui ci giocheremo il nostro futuro. È ovvio che se perdurerà da parte del Governo la politica di completa chiusura e demolizione del settore non potremo sottrarci dall’organizzare una massiccia manifestazione di protesta. Prepariamoci e preparatevi. Serviranno almeno 5.000 persone per invadere la capitale e mostrare ed esternare i veri valori del settore. Avremo una sola possibilità per manifestare e non dobbiamo farci trovare impreparati. Ma abbiamo un percorso con delle tappe. Il dialogo ed il democratico confronto è la prima prerogativa che tutti dobbiamo ricercare. Restiamo uniti e coesi, siamo padroni del nostro futuro’. (Nella foto una protesta degli operatori del gioco lecito). /Fonte Jamma
30.07.2018
Maria Castellano, Giorn. FreeLance

Condividi

Articoli correlati

Video