ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Pastorino (STS): “Regioni e Comuni hanno bisogno di risorse per combattere la ludopatia”

“Per quanto riguarda noi della Fit-Sts, abbiamo già i nostri corsi obbligatori ma abbiamo chiesto alla Regione di completare questi corsi con la presenza di esperti della Asl. Siamo disponibili a mettere a disposizione strutture e coprire le spese”. Sono le parole pronunciate da Giorgio Pastorino, presidente di STS-Fit, durante l’ultima seduta della commissione che si è tenuta al Comune di Genova in cui si è discusso del nuovo testo unico regionale sul gioco. Informazione e prevenzione, formazione professionale dei venditori di gioco, tecnologia, risorse per gli enti locali e gioco online, sono i temi centrali delle cinque proposte avanzate da Giorgio Pastorino. “Per il 2018 stiamo organizzando incontri in tutte le piazze di Genova, con membri del Moige che parleranno con i genitori dei rischi del gioco patologico – ha aggiunto -. Andiamo verso una nuova generazione di slot, che funzioneranno solo con la tessera sanitaria. Al riguardo, bisogna creare un data base di giocatori a rischio che si autoescludono dal gioco. Saranno peraltro slot intermediate, attivate cioè dagli esercenti su richiesta del giocatore, e che poi si spengono a intervalli prefissati lanciando warning sui pericoli derivanti dal gioco compulsivo”. “Oggi lo Stato incassa dai giochi quasi tredici miliardi l’anno – continua – e non versa niente a regioni e comuni, che invece hanno bisogno di risorse per combattere la ludopatia. Il gioco sul web è sempre più diffuso e, a differenza di ciò che avviene in ricevitoria, non c’è nessun controllo. Se vogliamo tutelare la salute bisogna intervenire sull’online”. / Fonte AGIMEG

22.05.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Condividi

Articoli correlati

Video