ultime notizie

Attualità, In Evidenza, Redazione, Sports

Finale Euro 2024, Spagna-Inghilterra: il vincitore secondo i bookie di Fantasyteam

Attualità, Cultura, In Evidenza, Redazione, Sports

Luci a San Siro Trotto Grand Opening: Snaitech celebra il nuovo volto dell’Ippodromo Snai San Siro con una grande serata di sport, musica e cultura

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Scommesse, Tar Sicilia accoglie ricorso CTD: “Decisione Questore su chiusura attività si basa su norma suscettibile di disapplicazione in virtù della prevalenza del diritto comunitario”

Attualità, Forze dell'ordine, In Evidenza, Redazione, Salute

Torino: sequestrate sei slot non collegate alla rete, elevate sanzioni per 99.000 euro

Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza, Salute

Cilento, puntate illegali in un centro scommesse: sequestri e sanzioni per 50mila euro

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Salute

Bragg Gaming, accordo con 711.Nl per il lancio di Kambi Sportsbook nei Paesi Bassi

Pescara: in Consiglio Comunale mozione di adesione al “Manifesto Sindaci per legalità contro gioco”

Focus sul gioco nel prossimo Consiglio Comunale di Pescara. Verrà presentata una mozione di adesione al “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo”. A questa iniziativa, promossa dal Movimento Cinque Stelle per nome del Consigliere Comunale Massimiliano Di Pillo si aggiunge l’interrogazione sulla non conformità di un cartellone pubblicitario all’interno del comune. “Il Manifesto di cui ci facciamo portavoce in consiglio comunale” – spiega Massimiliano Di Pillo – “chiede una nuova legge nazionale fondata sulla riduzione dell’offerta e il contenimento dell’accesso, con un’adeguata informazione e un’attività di prevenzione e cura”, ed anche “Leggi Regionali in cui siano esplicitati i compiti e gli impegni delle Regioni per la cura dei giocatori patologici, per la prevenzione dei rischi del gioco d’azzardo, per il sostegno alle azioni degli enti locali”. “Fondamentale sarebbe organizzare una rete nei territori con Asl, Prefetture, Questure, attraverso la formazione degli esercenti e dei cittadini, o anche rendendo lo stesso argomento primo punto dell’”osservatorio sulla legalità” voluto e proposto fortemente dal sottoscritto attraverso una mozione votata quasi all’unanimità e mai attuata, nonostante la piena disponibilità del proponente a costruire e costituire lo stesso osservatorio attraverso un regolamento sostanzialmente già pronto”, conclude Di Pillo.  /Fonte AGIMEG

30.05.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Condividi

Articoli correlati

Video