ultime notizie

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Attualità, Gaming

Spagna, la Corte Suprema annulla alcune restrizioni del decreto sul gioco d’azzardo

Attualità, Attualità e Politica

Bari, Conte: “Dove ci sono zone grigie non ci può essere il Movimento 5 stelle”. Fuori dalla giunta

Attualità

Guerra. WSJ: “Israele si prepara a un attacco dell’Iran in 24-48 ore”.

RGA: nuove linee guida contro il gioco d’azzardo problematico

Rga (Remote Gambling Association) ha pubblicato le linee guida per le buone pratiche nel settore dei giochi.

Le linee guida sulle buone pratiche si basano sull’esperienza dei membri RGA e di altre parti interessate, che coprono aree chiave quali politiche dell’operatore, indicatori di danno, interazioni con i clienti, registrazione e reporting, formazione del personale e valutazione.

Gli operatori di gioco online raccolgono e conservano una grande quantità di dati sui loro clienti. Spetta a loro utilizzare tali informazioni per combattere la criminalità e fornire un ambiente di gioco più sicuro per i propri clienti. Queste linee guida si concentrano principalmente sul secondo aspetto, sebbene sia riconosciuto che i modelli di gioco dei giocatori problematici e quelli che utilizzano i proventi del crimine possono essere simili.

Clive Hawkswood, l’amministratore delegato della Rga, ha dichiarato:”Risulta importante riconoscere che i dati e l’analisi comportamentale non risolverà tutti i problemi associati alla riduzione al minimo dei danni legati al gioco online. Tuttavia, il loro uso efficace si rivelerà sempre più vitale quando si cerca di raggiungere questo obiettivo. L’utilizzo dei dati è ancora agli inizi e qualunque cosa il settore faccia ora migliorerà indubbiamente con il beneficio di ulteriori ricerche e apprendimento condiviso.

Per il momento abbiamo la responsabilità collettiva di usare ciò che sappiamo e possiamo fare, con il massimo effetto. Sebbene molti operatori abbiano già sistemi che vanno ben oltre quanto descritto in queste linee guida, speriamo che forniscano un benchmark intersettoriale e un punto di partenza valido”.

22/02/2018, la Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video