ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Tar Liguria: il distanziometro non si applica alle sale scommesse, ma il cimitero resta tra i luoghi sensibili

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria ha accolto in parte il ricorso promosso da una sala scommesse contro il Comune di Chiavari per l’annullamento del provvedimento di chiusura della sala “perchè in contrasto con la disciplina comunale vigente che impone il rispetto di un distacco fisico di almeno 300 metri da alcuni luoghi sensibili individuati dalle norme di piano”.

La prima censura contesta “la violazione dell’art. 2 della legge regione Liguria 17 del 2012 che avrebbe abilitato i comuni a disciplinare l’installazione sul territorio delle sale da gioco, che tuttavia sarebbero altra cosa rispetto alla sala scommesse, quale è appunto quella gestita dall’interessata”.

“Da ciò la fondatezza delle censure in rassegna nella parte in cui denunciano la violazione delle distanze commesse con l’installazione della sala scommesse a meno di metri trecento dal cimitero cittadino e dallo stadio, posto che la distinzione operata al riguardo dalla legge regionale 2012/17 nel senso sopra indicato non abilita l’amministrazione ad applicare anche alle sale scommesse i limiti distanziometrici che devono invece essere osservati dalle sale giochi”.

Per il Tar: “Il primo motivo è fondato e in tali termini va accolto” e per questo la sala scommesse è stata riabilitata.

Il Tribunale però “respinge o dichiara inammissibili le altre censure”. Tra queste “si lamenta che il cimitero urbano non possa essere considerato alla stregua di un luogo sensibile”.

Il Tribunale amministrativo rileva soltanto che “la norma regionale più volte citata abilita il comune a prevedere ulteriori luoghi dai quali si devono tener distanti i luoghi più pericolosi per i ludopatici, e che la disciplina locale ha incluso tra quelli considerati anche il luogo di pubblica sepoltura, dal che l’infondatezza del motivo”.

/Fonte PressGiochi

25.07.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Condividi

Articoli correlati

Video