ultime notizie

Attualità, Gaming, Politica

Riforma comparto gioco, M5S: “dimentica la tutela dei soggetti vulnerabili e della loro salute”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

STS FIT: “I tabaccai vogliono essere protagonisti della riforma da tanto tempo attesa”

Attualità, Gaming

Enna, al via il progetto Gaming over Community: attivati in 9 comuni gli sportelli di ascolto gap

Attualità, Gaming

Parma, gioco d’azzardo in aumento anche tra giovani e anziani

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, “Introduzione di una disciplina degli e-sports”

Attualità, Gaming

Enna contro il gioco d’azzardo patologico con il corso di formazione FORGAP

Tar Puglia, scommesse come slot machine, no a sale vicino alle scuole

Le scommesse sportive sono  rischiose quanto le slot machine nei potenziali casi di ludopatia. Come riporta AGipronews è quanto scrive il Tar Lecce nelle sentenza che ha confermato lo stop per una sala scommesse di Aradeo, in provincia di Lecce.

Nel 2017 il  Comune salentino aveva imposto la chiusura dell’attività sulla base della legge regionale contro la ludopatia, che prevede almeno 500 metri di distanza tra le sale giochi e luoghi sensibili come scuole e chiese. I giudici hanno respinto il ricorso presentato dal titolare, per il quale il “distanziometro” viola la libertà di impresa e impedisce l’apertura di sale da gioco nei comuni più piccoli, dove il raggio di 500 metri sarebbe troppo ampio.

La Corte Costituzionale, scrive il collegio, ha affermato che «la legge regionale che introduce una disciplina immediatamente operativa» sulle distanze, anche in assenza di una pianificazione territoriale, «non viola alcun principio fondamentale in materia di tutela della salute». Infondata pure la presunta irragionevolezza della norma: anche se le scommesse hanno una componente di “abilità”, a differenza delle slot machine, «la salute di fasce deboli della popolazione è suscettibile di essere minata sia dall’utilizzo di apparecchi da gioco, sia da scommesse ippiche e sportive». In entrambi i casi «è infatti ravvisabile la tentazione ad un guadagno facile e illusorio, a nulla rilevando la fonte di tale sperato guadagno».

Secondo il Tar, dunque, non c’è violazione della libertà d’impresa: «Il legislatore non ha previsto un divieto, ma semplicemente un’inibizione all’esercizio di determinate attività a ridosso di centri di aggregazione giovanile».

A. Bargelloni

Condividi

Articoli correlati

Video