ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Atletica in lutto: muore a 32 anni la campionessa olimpica Tori Bowie.

Il mondo dell’atletica piange la scomparsa di Tori Bowie, la velocista statunitense capace di vincere un oro nella 4×100, un argento nei 100 metri e un bronzo nei 200 metri alle Olimpiadi di Rio 2016 e di aggiudicarsi i 100 metri ai Mondiali di Londra 2017. Un palmares importante che l’ha resa la velocista di punta degli Usa dell’ultimo decennio e l’unica riuscita a contenere lo strapotere delle campionesse giamaicane. Aveva solo 32 anni ma già una gran notorietà anche come modella e influencer: basti pensare che il suo profilo instagram conta oltre 43 milioni di follower. E proprio sui social media si è riversata la commozione di amici e fan. L’accostamento, per tutti gli appassionati di atletica, è automatico: quello con un’altra campionessa statunitense indimenticata come Florence Griffith-Joyner. Anche lei morta giovane, improvvisamente a 38 anni per un attacco epilettico, dopo una carriera sportiva coronata di successi olimpici e mondiali e che la vede ancora oggi detentrice dei record del mondo sui 100 metri (10″49) e 200 metri (21″34). Sono sconosciute le cause della morte di Tori Bowie, il cui corpo è stato ritrovato senza vita nella sua casa in Florida: alcuni siti sportivi, senza però conferme ufficiali, sottolineano come da tempo la campionessa americana soffrisse di una forte depressione. Di certo c’è soltanto che tutto il mondo dello sport si è unito alla famiglia spesso presente nei suoi post sui social. Il primo commento alla notizia della scomparsa è della sua “rivale” storica, Shelly-Ann Fraser-Pryce: “Mi si spezza il cuore per la famiglia di Tori Bowie. Una rivale fonte di luce. La tua energia e il tuo sorriso saranno sempre con me”, il ricordo sui social della velocista giamaicana. Proprio la Fraser-Pryce bruciò Tori Bowie sul traguardo dei 100 metri a Rio 2016, dove la statunitense si prese però la rivincita guidando la staffetta statunitense a vincere l’oro nella 4×100. A questo unì poi il bronzo sui 200 metri. L’anno dopo, ai Mondiali di Londra 2017, Tori Bowie si aggiudicò il titolo iridato sui 100 metri. Poi decise di tornare a gareggiare nel salto in lungo, la sua passione fin da bambina, che l’aveva portata anche a vincere una borsa di studio per frequentare la Missisipi University. Arrivò quarta ai Mondiali di Doha 2019. Una storia di riscatto e forza di volontà: Tori Bowie e sua sorella sono state adottate e cresciute dalla loro nonna biologica. Poi, grazie allo sport, Tori iniziò il percorso che l’ha portata a calcare le piste di atletica di tutto il mondo. ANSA

Condividi

Articoli correlati

Video