ultime notizie

Attualità, Gaming, Politica

Riforma comparto gioco, M5S: “dimentica la tutela dei soggetti vulnerabili e della loro salute”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

STS FIT: “I tabaccai vogliono essere protagonisti della riforma da tanto tempo attesa”

Attualità, Gaming

Enna, al via il progetto Gaming over Community: attivati in 9 comuni gli sportelli di ascolto gap

Attualità, Gaming

Parma, gioco d’azzardo in aumento anche tra giovani e anziani

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, “Introduzione di una disciplina degli e-sports”

Attualità, Gaming

Enna contro il gioco d’azzardo patologico con il corso di formazione FORGAP

Toscana, il Pd propone divieto dell’utilizzo di macchinette con ticket redemption per i minori.

Divieto dell’utilizzo di macchinette con ticket redemption per i minori. E’ questa la proposta del gruppo consigliare PD Toscana che in una nota fa sapere: “Le ‘ticket redemption sono quelle macchinette da gioco che si trovano principalmente in sale giochi, centri commerciali e parchi divertimento e che, al termine di ogni partita, rilasciano ticket (tagliandi) da scambiare con premi come braccialetti, portachiavi, cuffie, gadget di vario genere. In alcuni casi, è possibile ottenere anche orologi da polso, Mp3 e Ipad. In molti denunciano da tempo che per i minori queste macchinette rappresentano una tentazione troppo forte: più a lungo gioco inserendo soldi, più accumulo punti da scambiare con premi. Il rischio è dunque quello che si stabilizzi nell’adolescente il meccanismo riflesso gioco-gratificazione che poi può sfociare nella dipendenza patologica. Per questo motivo abbiamo presentato una proposta di legge per mettere in atto alcune misure utili a limitare l’utilizzo di questo tipo di macchinette ai minori”. “La prevenzione – inizia dai più giovani- sottolinea Anna Paris prima firmataria della proposta di legge – con queste disposizioni rafforziamo ulteriormente il nostro impegno per contrastare e ridurre il rischio della dipendenza da gioco d’azzardo a partire dalle fasce più esposte e più fragili. Il rischio dell’utilizzo di queste macchinette da gioco da parte dei giovanissimi è che il meccanismo gioco-vincita diventi normalità e quindi che il minore rischi di cadere in un meccanismo meccanico mentale che lo avvicina sempre più all’azzardo. I ragazzi infatti ancora non hanno sviluppato un’autonomia psichica e quindi il rischio che insorga una dipendenza patologica è ancora più reale e importante”.

Nel dettaglio la Proposta di Legge prevede una modifica della l.r. 57/2013 sul contrasto al gioco d’azzardo patologico, per disciplinare il divieto di utilizzo, per i minori, di apparecchi e congegni meccanici ed elettromeccanici, attivabili con moneta, con gettone ovvero con altri strumenti elettronici di pagamento, che distribuiscono tagliandi direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita (ticket redemption).

“Negli ultimi anni in Italia l’attenzione sul gioco d’azzardo è sicuramente aumentata – prosegue Paris – ma siamo di fronte a un fenomeno in continua evoluzione che interessa in modo trasversale tutte le età e che continuiamo a combattere. Essendo purtroppo il fenomeno in continua evoluzione, dunque anche i nostri strumenti di prevenzione e contrasto dovrebbero tenere il passo e in questo caso poiché si tratta di minori, il nostro forte auspicio è che anche i genitori facciano la loro parte e siano nostri alleati. Capisco bene – conclude la consigliera Pd – che il gioco è parte integrante della vita umana e l’accompagna in tutte le sue fasi: per i più giovani giocare deve voler dire essere liberi, immaginare, fantasticare, socializzare e non possiamo permettere che un meccanismo come quello di queste macchinette possa innescare in loro una dipendenza”.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video