ultime notizie

Attualità, In Evidenza, Redazione, Sports

Finale Euro 2024, Spagna-Inghilterra: il vincitore secondo i bookie di Fantasyteam

Attualità, Cultura, In Evidenza, Redazione, Sports

Luci a San Siro Trotto Grand Opening: Snaitech celebra il nuovo volto dell’Ippodromo Snai San Siro con una grande serata di sport, musica e cultura

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Scommesse, Tar Sicilia accoglie ricorso CTD: “Decisione Questore su chiusura attività si basa su norma suscettibile di disapplicazione in virtù della prevalenza del diritto comunitario”

Attualità, Forze dell'ordine, In Evidenza, Redazione, Salute

Torino: sequestrate sei slot non collegate alla rete, elevate sanzioni per 99.000 euro

Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza, Salute

Cilento, puntate illegali in un centro scommesse: sequestri e sanzioni per 50mila euro

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Salute

Bragg Gaming, accordo con 711.Nl per il lancio di Kambi Sportsbook nei Paesi Bassi

GdF Padova: sale gioco irregolari. Multati sei titolari

Controlli a tappeto della Guardia di Finanza in provincia di Padova nell’ambito della verifica delle norme sulla prevenzione dei rischi del gioco d’azzardo patologico. Gli interventi eseguiti dalla Compagnia di Este hanno consentito di individuare diversi esercizi commerciali presso i quali erano installati apparecchi che non rispettavano le prescrizioni della normativa regionale vigente. Sei titolari di attività multati. In particolare, le attività ispettive hanno interessato, sia durante la fascia oraria pomeridiana che serale, 7 sale slot della bassa padovana, riscontrando 6 violazioni da parte di altrettanti titolari di esercizi commerciali, gestori di quasi 130 apparecchi, che non rispettavano gli obblighi imposti dalla disciplina regionale sul funzionamento degli apparecchi da intrattenimento del tipo videolottery e slot machine.

In particolare, gli apparecchi per il gioco sono risultati accesi in orari nei quali ne è prescritta l’interruzione e utilizzati, in alcuni casi, da diversi avventori. È stato rilevato anche che all’interno di alcuni locali non erano presenti opuscoli e altro materiale informativo sui rischi del gioco d’azzardo, tesi a prevenire la ludopatia. Infine in uno degli esercizi è stata riscontrata l’installazione di un pos che consentiva l’accesso al gioco mediante pagamento diretto o il prelievo di contante da impiegare successivamente per le giocate. 

Gli illeciti amministrativi, con sanzioni tra un minimo di 72.500 euro e un massimo di 217.500, sono stati segnalati ai Comuni competenti per l’inosservanza della normativa regionale in materia di prevenzione e cura del disturbo da gioco d’azzardo patologico.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video