ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Sports

Corse trotto e galoppo. Il duro affondo di Minopoli: “È evidente che l’attuale governance vuole solo associazioni tifose”

Attualità, Sports

Pubblicata programmazione corse trotto e galoppo 2024. Faticoni (Siag): “Soddisfatto”

Attualità, Gaming

Nicolò Fagioli e Jarre a Condove per parlare di sport etico e gioco d’azzardo patologico

Attualità, Cultura, Gaming

Casinò Mondo, la piattaforma di gioco online lancia un’iniziativa sul gioco responsabile

Attualità, Cultura, Gaming

A Foligno la mostra itinerante “Azzardo: non chiamiamolo gioco” con 60 vignette umoristiche

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Riordino comparto gioco: le proposte di Avviso Pubblico inviate alla Comm. Finanze del Senato

Decreto Dignità, Di Maio: “Primi in Europa a vietare la pubblicità del gioco”

ROMA – “Dal giorno in cui entra in vigore il decreto la pubblicità sul gioco di azzardo è vietata. Credo che siamo il primo paese in Europa”.

Lo ha detto il ministro allo Sviluppo Economico Luigi Di Maio in un video su Facebook, al termine del Consiglio dei Ministri di ieri sera, che ha approvato il Decreto Dignità.

Il testo prevede il divieto per “qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet”.

Le lotterie ad estrazione differita – come la Lotteria Italia – sono escluse dal divieto e sono fatti salvi i contratti pubblicitari attualmente in vigore.

“C’è chi è preoccupato per i contratti in essere: gli abbiamo dato un po’ di tempo per risolverli ma, dal giorno in cui entrerà in vigore il decreto (che adesso dovrà essere firmato dal presidente della Repubblica), la pubblicità del gioco d’azzardo in Italia sarà vietata”, ha detto Di Maio.

Dal 1° gennaio del prossimo anno, saranno vietate anche le sponsorizzazioni. Le sanzioni per chi non rispetterà il divieto saranno pari al 5% del valore della pubblicità e mai inferiori a 50mila euro.

/Fonte: Agipronews

A. Bargelloni

Condividi

Articoli correlati

Video