ultime notizie

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Redazione

Altenar, un prodotto personalizzabile chiave del successo

Attualità, Economia, Gaming, Redazione

America Latina, mondo del gioco a confronto al Gat Caribe Cancun

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza

Finale in grande stile ad Amsterdam per iGb live, la ‘casa’ del Gaming

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

Basilicata, il candidato dell’opposizione PD-5S, Lacerenza: “L’ho saputo ieri pomeriggio”. Campo largo in tilt

Non sapeva nulla della sua candidatura a leader del campo largo Pd-M5s-Avs alle Regionali di aprile in Basilicata. “L’ho saputo ieri pomeriggio, poche ore prima che la notizia diventasse di dominio pubblico. Mentre uscivo dall’ospedale, come faccio tutti i giorni, dopo aver fatto otto interventi chirurgici, mi è arrivata la telefonata”. Lo dice a Repubblica l’oculista Domenico Lacerenza, primario del San Carlo di Potenza. Che afferma di “non aver fatto nulla” per proporsi alle forze politiche progressiste: “Hanno ritenuto che io sia la persona giusta e ne prendo atto. Questo mi carica di responsabilità che spero di riempire di massimi contenuti”, spiega. Specificando di non conoscere né la segretaria dem Elly Schlein né il presidente 5 stelle Giuseppe Conte: “Non ho mai avuto l’onore. Se hanno avuto buone informazioni su di me è perché sono un pragmatico”.

Le dichiarazioni di Lacerenza hanno portato scompiglio in un campo largo dall’equilibrio già precario. “Ritirare la candidatura di Domenico Lacerenza o promuoviamo il polo dell’orgoglio lucano”: è la richiesta di attivisti, sindaci, amministratori sindacalisti e dirigenti del Pd e del centrosinistra lucano formalizzato in un documento diffuso da Giovanni Petruzzi, all’epoca coordinatore della mozione Cuperlo. Petruzzi ha definito anche “quanto mai opportuno ed urgentissimo” che sia convocata la direzione regionale del Pd, “che non ha mai discusso né deliberato la candidatura a presidente di Lacerenza”.   

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video