ultime notizie

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Attualità, Gaming

Spagna, la Corte Suprema annulla alcune restrizioni del decreto sul gioco d’azzardo

Attualità, Attualità e Politica

Bari, Conte: “Dove ci sono zone grigie non ci può essere il Movimento 5 stelle”. Fuori dalla giunta

Attualità

Guerra. WSJ: “Israele si prepara a un attacco dell’Iran in 24-48 ore”.

Camera, Quartini (M5S): “La nuova normativa ‘educa’ il giocatore, sottovalutando l’aspetto patologico del fenomeno del gioco”

“Il predetto provvedimento testimonia di un approccio a giudizio degli interroganti assolutamente non adeguato al perseguimento degli obiettivi di cui alla legge delega con riferimento alla tutela dei soggetti vulnerabili e alla prevenzione dei fenomeni di disturbi da gioco; l’impianto normativo poggia infatti sul concetto di ‘gioco responsabile’ e non persegue l’obiettivo di ridurre il più possibile l’accesso al gioco ma quello di ‘educare’ il giocatore, sottovalutando l’aspetto patologico del fenomeno del gioco e trasmettendo un’immagine positiva del gioco”. Così Andrea Quartini (M5S) in un’interrogazione rivolta al ministro della Salute, Orazio Schillaci, in commissione Affari sociali.

“In particolare la nuova normativa – prosegue Quartini – legittima nuovamente l’utilizzo della pubblicità superando il divieto assoluto di pubblicità introdotto con il decreto-legge n. 87 del 2018 (cosiddetto decreto Dignità); attribuisce al concessionario, ovvero il diretto controinteressato, il controllo sul grado di partecipazione al gioco dei giocatori più esposti al rischio di gioco patologico; smantella un organo di monitoraggio indipendente, come l’Osservatorio sull’azzardo, per sostituirlo con una consulta della quale fanno parte i soggetti privati ad avviso degli interroganti in palese conflitto d’interesse”.

E ancora il cinquestelle: “Paradossale è poi l’avocazione di ciò che resta della funzione pubblica di ‘tutela della salute del giocatore’ da parte del Mef: una distorsione disfunzionale, considerato che l’impatto ed i costi ricadranno poi sul Servizio sanitario nazionale sul piano costituzionale e ordinamentale, i princìpi di tutela della salute, della famiglia, del risparmio e della sicurezza debbono intendersi sovraordinati all’interesse erariale, come in più occasioni evidenziato dalla Corte costituzionale; le misure in materia di giochi hanno indubbi, gravi e rilevanti riflessi sulla tutela della salute delle persone: quali iniziative di competenza intenda intraprendere per assicurare, attraverso successivi provvedimenti, l’adempimento da parte dello Stato del dovere, costituzionalmente protetto, di tutela della salute, impedendo in primis che il gioco d’azzardo venga reso oggetto di promozione pubblicitaria e che il ministero della Salute sia estromesso dall’importante ruolo di tutelare i cittadini dal gioco d’azzardo patologico”.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video