ultime notizie

Attualità, Gaming, Politica

Riforma comparto gioco, M5S: “dimentica la tutela dei soggetti vulnerabili e della loro salute”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

STS FIT: “I tabaccai vogliono essere protagonisti della riforma da tanto tempo attesa”

Attualità, Gaming

Enna, al via il progetto Gaming over Community: attivati in 9 comuni gli sportelli di ascolto gap

Attualità, Gaming

Parma, gioco d’azzardo in aumento anche tra giovani e anziani

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, “Introduzione di una disciplina degli e-sports”

Attualità, Gaming

Enna contro il gioco d’azzardo patologico con il corso di formazione FORGAP

Nel ravennate si pianifica il contrasto al gioco d’azzardo patologico con incontri e spettacoli

Nel ravennate si pianifica il contrasto al gioco d’azzardo. Sono in corso di organizzazione e svolgimento da parte dello Sportello ESC per giocatori d’azzardo e familiari, tra novembre e dicembre, una serie di interventi di informazione e prevenzione del fenomeno sempre più dilagante sul territorio. Previsti nelle scuole 13 incontri informativi e 5 interventi teatrali seguiti da approfondimenti, testimonianze e dialoghi con gli studenti.

Il primo evento è stato realizzato nel teatro di Cervia e ha registrato la partecipazione di circa 150 ragazzi, che hanno mostrato grande interesse e capacità di fare domande e confrontarsi con gli esperti del SerD di Ravenna, dello Sportello ESC e con due testimoni dell’associazione Giocatori Anonimi. Molto apprezzato l’intervento teatrale a tema, a cura di Panda Project Teatro. A seguire saranno realizzati incontri con singole classi anche al liceo Classico e nuovamente al Ginanni di Ravenna e al Guerra di Cervia, dove tutte le classi prime e seconde affronteranno il tema del gaming e dell’iperconnessione. A conclusione del progetto gli studenti coinvolti saranno circa 800.

“Da tempo l’Amministrazione comunale e l’intera comunità ravennate sono attente e vigili rispetto alla problematica del gioco d’azzardo compulsivo – dichiara l’assessore alle Politiche sociali Gianandrea Baroncini –. In questi anni si è creata una rete di servizi e relazioni che sta dando risposte concrete a chi si trova a vivere in prima persona questa malattia, ma anche a familiari e amici. Ma spesso non basta. La prevenzione resta lo strumento principale e più efficace per far conoscere i meccanismi della dipendenza dal gioco d’azzardo, le implicazioni sulla propria vita e su quella della propria famiglia, in particolare ai giovani sempre più numerosi e sempre più precocemente coinvolti in questa dipendenza. Purtroppo oggi la pubblicità del gioco d’azzardo punta molto sui giovani con modelli accattivanti, attraverso la promozione del gioco online con messaggi sempre più subdoli ed ingannevoli. Chiunque entri in rete, anche solo per controllare la posta elettronica o leggere siti d’informazione, sarà incappato in banner pubblicitari che promettono vincite favolose, e sempre maggiore e vasta scelta di giochi con cui intrattenersi. Tenere alta la guardia su questa piaga – chiosa Baroncini – coinvolgendo direttamente i giovani e i loro insegnanti, è il modo più efficace. Per questo ringrazio gli operatori e le scuole per l’organizzazione di queste occasioni di riflessione e scambio”.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video