ultime notizie

Attualità, Gaming, Politica

Riforma comparto gioco, M5S: “dimentica la tutela dei soggetti vulnerabili e della loro salute”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

STS FIT: “I tabaccai vogliono essere protagonisti della riforma da tanto tempo attesa”

Attualità, Gaming

Enna, al via il progetto Gaming over Community: attivati in 9 comuni gli sportelli di ascolto gap

Attualità, Gaming

Parma, gioco d’azzardo in aumento anche tra giovani e anziani

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, “Introduzione di una disciplina degli e-sports”

Attualità, Gaming

Enna contro il gioco d’azzardo patologico con il corso di formazione FORGAP

Roma, sesto rapporto Caritas sulla povertà: i cittadini guadagnano poco e giocano d’azzardo

Dal sesto rapporto sulla povertà a Roma pubblicato da Caritas e presentato il 13 novembre in Vicariato dal direttore Giustino Trincia è emerso un quadro allarmante: i romani si indebitano, guadagnano poco e pagano a rate beni non necessari. Ma nonostante ciò, giocano tanto d’azzardo.

Già a fine 2022 la CEI, conferenza episcopale italiana, aveva presentato alcuni dati preoccupanti riferiti all’anno precedente. Quasi 11,6 miliardi di euro puntati nel Lazio, oltre 2mila euro per ogni cittadino residente nel territorio. Quanto emerge nel rapporto Caritas 2023 è riferito all’anno 2022 e dà conto di un volume di gioco che si riduce, ma resta imponente: 10,24 miliardi di euro complessivi. Ciò significa 1.793 euro a persona. A differenza del report di fine dicembre 2022, lo studio di Caritas Roma apre un focus anche sulla Città Metropolitana. “Sull’urgenza di dare segnali concreti di cambiamento – ha ricordato Trincia -, i Vescovi del Lazio lanciarono il 5 dicembre 2022 un appello ai Sindaci dei Comuni del Lazio e sono ancora in attesa di ricevere risposte sostanziali”.

Infatti, come fa sapere Giustino Trincia, “nel corso dell’anno passato i romani hanno perso (e non “speso”, poiché non c’è alcun acquisto di beni) un totale di 4,96 miliardi di euro, di cui 3,5 miliardi online, con un importo pro capite di 1.763 euro bruciati nell’azzardo. E questo nonostante, sempre da rapporto Caritas che elabora dati dell’ufficio statistica di Roma Capitale, nella città ben il 42% di chi ha un reddito guadagni meno di 15mila euro l’anno”. Infatti, nonostante quasi il 20% sono contratti a termine e di collaborazione e il 13,5% (in questo caso +3,1% rispetto al dato nazionale) sono contratti “poveri”, troppo bassi per garantire uno standard di vita adeguato. Eppure i romani si indebitano, con un +9% di cessioni del quinto dello stipendio e una impennata di accesso al credito al consumo. E le occasioni per bruciare liquidità non mancano: nel Lazio ci sono 378 sale per il gioco e 5.700 esercizi commerciali che al loro interno hanno le slot machine. 

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video