ultime notizie

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Augusta, sequestrate slot illegali in un bar del centro. 20mila euro di multa al gestore

Attualità, Gaming, Giurisprudenza

Il CdS respinge appello di due sale gioco contro provvedimento del Comune di Milano su orari

Attualità, Cultura, Gaming, Salute

FVG, arriva il progetto “All-In” contro il gioco d’azzardo patologico

Attualità, Attualità e Politica, Sports

Corse trotto e galoppo. Il duro affondo di Minopoli: “È evidente che l’attuale governance vuole solo associazioni tifose”

Attualità, Sports

Pubblicata programmazione corse trotto e galoppo 2024. Faticoni (Siag): “Soddisfatto”

Attualità, Gaming

Nicolò Fagioli e Jarre a Condove per parlare di sport etico e gioco d’azzardo patologico

Scontro Napoli-Eintracht: si contano i danni. Chi ha venduto i biglietti agli ultras tedeschi?

Napoli devastata dai tifosi tedeschi. L’allarme era stato lanciato già da giorni ma nulla è servito a prevenire e contenere i disordini tra tifoserie. Oggi si contano i danni dopo la sfida Napoli-Eintracht con gli incidenti e gli scontri che si sono verificati nel centro storico in pieno pomeriggio con centinaia di residenti presenti. Arrestati sette tifosi napoletani. Ma il numero potrebbe crescere nelle prossime ore. Quattro arresti, di cui uno in flagranza, sono stati notificati per i tafferugli verificatisi sul lungomare e altri tre per gli scontri avvenuti nel pomeriggio in piazza del Gesù. Questa mattina, intanto, i tifosi tedeschi hanno lasciato Napoli e l’albergo dove erano ospitati. Sono stati portati, a bordo di bus, verso Salerno, Roma e Capodichino per raggiungere le rispettive destinazioni in Germania. Ma in città, in modo particolare a Piazza del Gesù, è tempo di bilanci. 

Stamattina è stato convocato in Prefettura un comitato per l’ordine e la sicurezza straordinario per fare il punto della situazione e stimare la conta dei danni subiti dagli esercenti e per gli aubobus danneggiati. Sull’argomento è intervenuto anche Sergio Amato, procuratore aggiunto di Napoli: Quello che è successo a Napoli è sconcertante e preoccupante. Le forze dell’ordine hanno fatto un lavoro eccezionale limitando addirittura i danni. I club in questi ultimi anni hanno fatto tantissimo ma a volte questi fenomeni di violenza urbana avvengono anche a chilometri di distanza dagli stadi” le sue dichiarazioni a Rai News. 

Intanto si cerca di ricostruire cosa non abbia funzionato. Secondo Open spuntano nuove indiscrezioni sulle dinamiche che avrebbero reso possibili i violenti scontri avvenuti tra i tifosi del Napoli e quelli dell’Eintracht Francoforte, prima della partita tra le due squadre per gli ottavi di Champions League. Alfredo Antoniozzi, vice capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, aveva domandato, a margine dei disordini: “Il nostro governo, attraverso una relazione fatta propria dalla Prefettura di Napoli e poi confermata dal Tar della Campania, aveva impedito la vendita dei biglietti ai tifosi dell’Eintracht, con relativi striscioni offensivi contro Piantedosi in Germania. Mi chiedo chi e perché li abbia fatti partire”. La risposta, secondo la stampa tedesca, potrebbe essere da ricercare tra le fila di alcuni storici rivali dei napoletani: i tifosi dell’Atalanta, che non solo stamattina hanno dato man forte ai tedeschi nel corso degli scontri, ma avrebbero anche potuto vendere loro i biglietti per a partita. L’ipotesi è avanzata dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, che ricorda come negli ultimi giorni erano stati messi in vendita dei biglietti per gli ospiti, ma non per le persone domiciliate a Francoforte.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video