ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Stretta del regno Unito sul gioco d’azzardo: controlli e norme più severe

Stretta sul gioco d’azzardo nel Regno Unito, patria della scommesse, con controlli e norme più severe.

Il governo conservatore di Rishi Sunak vuole intervenire per regolare un settore in cui è possibile perdere migliaia di sterline anche solo utilizzando il proprio smartphone. La ministra della Cultura e dei media Lucy Frazer, responsabile anche per il gioco d’azzardo, ha descritto sulle pagine del Times l’iniziativa del governo prima di presentarla oggi alla Camera dei Comuni. Sono previsti controlli che scattano quando un giocatore arriva a perdere mille pound in un giorno o duemila nell’arco di 90 giorni. “Con internet e l’ascesa degli smartphone il gioco d’azzardo è diventato onnipresente – ha scritto la ministra nel suo intervento – non solo nelle agenzie di scommesse ma ovunque, con un accesso 24 ore su 24”. Per Frazer bisogna intervenire ora in quanto si è creata una situazione in cui c’è “una Las Vegas in ogni smartphone”.
    Il nuovo approccio dell’esecutivo punterà anche a contrastare le dipendenze e difendere i soggetti vulnerabili. L’annuncio del governo contenente il tanto atteso libro bianco sul gioco d’azzardo arriva dopo un lungo ritardo: la revisione delle regole in questo settore era stata annunciata per la prima volta nel 2020 da Oliver Dowden, allora ministro della Cultura.

Condividi

Articoli correlati

Video