ultime notizie

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Augusta, sequestrate slot illegali in un bar del centro. 20mila euro di multa al gestore

Attualità, Gaming, Giurisprudenza

Il CdS respinge appello di due sale gioco contro provvedimento del Comune di Milano su orari

Attualità, Cultura, Gaming, Salute

FVG, arriva il progetto “All-In” contro il gioco d’azzardo patologico

Attualità, Attualità e Politica, Sports

Corse trotto e galoppo. Il duro affondo di Minopoli: “È evidente che l’attuale governance vuole solo associazioni tifose”

Attualità, Sports

Pubblicata programmazione corse trotto e galoppo 2024. Faticoni (Siag): “Soddisfatto”

Attualità, Gaming

Nicolò Fagioli e Jarre a Condove per parlare di sport etico e gioco d’azzardo patologico

‘Fate il Nostro Gioco’: a Vercelli la mostra-laboratorio sul gioco d’azzardo

 ‘Fate il Nostro Gioco’, il progetto itinerante di Taxi1729, la società di divulgazione scientifica torinese, arriva a Vercelli con una mostra- laboratorio all’auditorium di Santa Chiara. A parteciparvi gli studenti delle classi 3°A Grafico, 4°A Cat e 4°A Afm dell’istituto Leardi di Casale.

“Percorrendo la mostra – spiegano alcuni alunni – abbiamo potuto scoprire regole, segreti e verità riguardanti il fenomeno del gioco d’azzardo in Italia. Abbiamo trovato particolarmente interessante che, per spiegarci alcune dinamiche, la nostra guida abbia fatto riferimenti alla matematica, applicando concetti che abbiamo già potuto trattare a scuola, e alla psicologia”. Il percorso si svolge attraverso tre sale: nella prima i ragazzi hanno potuto scoprire il meccanismo che caratterizzava un famoso gioco a premi americano, ‘Let’s Make a Deal’, in cui un concorrente poteva cercare di vincere un’automobile di lusso indovinando, tra tre opzioni, la porta dietro la quale era nascosta, con un’ultima possibilità di cambiare la sua scelta dopo che il presentatore aveva eliminato una delle due porte sbagliate. Si tratta del cosiddetto ‘paradosso di Monty Hall’, che può essere facilmente risolto facendo ricorso a qualche nozione di matematica e statistica.

Nella seconda sala era riprodotto un casinò e gli alunni hanno provato a puntare alla Roulette scoprendo che, nel caso di giocate sporadiche, è molto difficile vincere o perdere somme ingenti, ma se la casualità del gioco viene moltiplicata per più giocatori o più giocate, la perdita è aumentata esponenzialmente. Nonostante ciò, è stato spiegato che non sono molti i giocatori in grado di fermarsi, perché si spera sempre di poter vincere di più al turno successivo: si tratta di un impulso ulteriormente stimolato da una sorta di ‘effetto quasi vincita’, volutamente creato dai produttori dei giochi, che sfrutta la psicologia per illudere i giocatori di essere stati vicini a vincere e che sia quindi meglio provare a tentare nuovamente la sorte. L’ultima fase ha riguardato l’analisi di alcuni dati, in particolare quelli dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Stato sul consumo di azzardo in Italia e i risultati delle ultime indagini epidemiologiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche sulle abitudini di gioco, da cui è emerso che la popolazione si può suddividere in tre macrocategorie: i giocatori una tantum, che hanno un rapporto normale con il gioco; quelli potenzialmente a rischio, che si dedicano spesso all’azzardo e da un momento all’altro possono sviluppare una dipendenza, e i ludopatici, che arrivano a perdere anche grandi somme di denaro.

“I ragazzi – spiega Simona Cabodi, tra i docenti accompagnatori – sono stati davvero interessati perché hanno sperimentato direttamente che cosa significa giocare d’azzardo e hanno potuto cogliere i meccanismi psicologici e matematici dietro questa pratica. Discutendo in classe, al rientro dalla visita, i ragazzi hanno convenuto che il gioco può essere un’esperienza divertente e, tutto sommato, poco rischiosa, se provata sporadicamente e con consapevolezza, ma, se diventa un’abitudine, può portare a grandissime perdite”. (https://casalenotizie.ilpiccolo.net/generic/2023/02/26/news/gioco-d-azzardo-il-leardi-alla-mostra-che-ne-spiega-logiche-e-conseguenze-149681/)

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video