ultime notizie

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

GdF Padova: sale gioco irregolari. Multati sei titolari

Attualità, Sports

Ippica, ‘Coppa del Presidente’: sul podio due foggiani della Scuderi Stable

Attualità, Gaming

Haijer (Egba) presenta la terza edizione della European safer gambling week di novembre

Attualità, Gaming

Pucci contro i dati del Movimento No slot: “Si confonde la raccolta di gioco con la spesa dei giocatori”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Delega Fiscale, D’Alfonso (Pd): “Gioco, il fragile va salvaguardato e la fiscalità dello Stato assicurata”

Attualità, Cultura, Gaming

Taranto, al teatro Fusco ‘Il Giuocatore’ di Goldoni a conclusione del progetto su prevenzione gap

Marche, giornata della lotta al gap. Saltamartini: “La ludopatia è una dipendenza pericolosa”

“Si stima che nelle Marche dall’1 al 3% della popolazione abbia una dipendenza da gioco. Sono oltre 400 i soggetti seguiti nei vari Dipartimenti Dipendenze Patologiche per problemi relativi al gioco d’azzardo”

Così l’Assessore alla Sanità Filippo Saltamartini in occasione della Giornata della Lotta al gap (gioco d’azzardo patologico). La dipendenza da gioco è un disturbo caratterizzato dall’incapacità di resistere al desiderio di scommettere e cimentarsi in giochi nei quali vi sia la possibilità di guadagnare molto, affrontando un rischio accettabile in relazione alla singola perdita. Mediamente i marchigiani puntano, nei diversi giochi, circa 1800 milioni di euro l’anno a fronte di vincite per 1400 milioni.

Per questo, ricorda una nota, le Marche si sono dotate di una legge per la prevenzione ed il trattamento del gioco d’azzardo patologico e della dipendenza da nuove tecnologie e social network. Prevede che la Regione elabori il Piano di contrasto con una relazione annuale alla Giunta sull’attuazione ed i risultati ottenuti. Si affiancano campagne di sensibilizzazione e informazione, con la collaborazione delle associazioni di volontariato, anche attraverso l’indizione di una Giornata dedicata alla lotta al gap, il 26 febbraio appunto.

Inoltre, i Comuni possono disporre limitazioni temporali all’esercizio del gioco, prevedendo fasce orarie giornaliere fino ad un massimo di dodici ore. È vietata ogni forma di pubblicità su apertura ed esercizio delle sale da gioco mentre è prevista la promozione del logo no slot con incentivi per gli esercenti. Il gettito delle sanzioni viene destinato per il 50% alle finalità disposte dalla legge.

Il Programma di contrasto al GAP e DT (Dipendenze Tecnologiche) ha visto lo stanziamento di circa 5 milioni di euro nel triennio 2019-2021 per le 5 Aree Vaste. Prevede attività educative in strada, prevenzione in gruppi e nelle scuole, cicli di passeggiate per over 60, percorsi terapeutici e gruppi di sostegno familiare.

Inoltre è attivo il numero verde 800012277 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17. Il Piano triennale GAP 2023-2025, già approvato dal Ministero della Salute, stanzia risorse per 4,75 milioni e sarà, a breve, sottoposto al vaglio della Giunta Regionale per essere successivamente inviato all’Assemblea Legislativa.

“La nostra battaglia si gioca su due campi: l’agire sulle norme che regolano il gioco d’azzardo e il promuovere iniziative di contrasto. La ludopatia è una dipendenza pericolosa che colpisce anche i più giovani: una volta riconosciuta bisogna intervenire” conclude Saltamartini.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video