ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Ugo Cifone: «La sentenza della CGE anacronistica rispetto alla legge di Stabilità»

Il presidente di Acogi, Ugo Cifone, dopo aver studiato attentamente la sentenza emessa questa mattina dalla Corte di Giustizia Europea (CGE), ritiene “inconcludente” il risultato raggiunto dai giudici di Lussemburgo: «Se il Bando Monti – ha dichiarato Cifone – poteva rappresentare un consequenziale e ragionevole epilogo di una serie di conquiste giurisprudenziali susseguitesi in quindici anni di contenziosi, l’odierna pronuncia da parte della Corte di Lussemburgo è da ritenersi inconcludente». Secondo Cifone, quanto espresso dalla CGE, «non garantisce continuità e uniformità ai principi sanciti dalla stessa Curia e pare anzi aver fatto un passo indietro; non fornisce alcun contributo in chiave di riordino del sistema concessorio e autorizzatorio. Nella pronuncia i Giudici non hanno preso posizione su una delle questioni focali del rinvio pregiudiziale formulato dal Consiglio di Stato ovvero relativo al ripristino di quelle discriminazioni riconosciute con la Sentenza Costa-Cifone. La CGE – secondo il presidente di Acogi – si è limitata a motivare solo il quesito pregiudiziale relativo alla durata delle concessioni tralasciando gli altri quesiti oggetto di dicriminazione».

«A tutto ciò si aggiunge – conclude Ugo Cifone – che l’odierna sentenza pronunciata dall’On.le Corte è anacronistica rispetto alla recentissima Legge di Stabilità entrata in vigore il 1° gennaio 2015 la quale, lungi dal perseguire gli obiettivi di interesse generale, nonché quello della lotta alla criminalità, viene approvata solo per puri motivi di cassa concedendo la possibilità ad un numero indeterminato di operatori di entrare nel mercato senza alcun controllo».

Condividi

Articoli correlati

Video