ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, “Introduzione di una disciplina degli e-sports”

Attualità, Gaming

Enna contro il gioco d’azzardo patologico con il corso di formazione FORGAP

Attualità, Attualità e Politica, Forze dell'ordine, Gaming

Asti, uomo perde al gioco d’azzardo, si infuria e torna nella sala scommesse per rapinarla.

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Augusta, sequestrate slot illegali in un bar del centro. 20mila euro di multa al gestore

Attualità, Gaming, Giurisprudenza

Il CdS respinge appello di due sale gioco contro provvedimento del Comune di Milano su orari

Attualità, Cultura, Gaming, Salute

FVG, arriva il progetto “All-In” contro il gioco d’azzardo patologico

Consulta Nazionale Antiusura: istituzioni limitino il rischio gap

La Consulta Nazionale Antiusura, a pochi giorni dalla sua assemblea ordinaria, che si terrà ad Assisi venerdì 22 e sabato 23 giugno, scrive ai rappresentanti delle istituzioni del Paese, chiedendo che siano accolte tra le priorità dell’agenda del Governo in un programma orientato a promuovere il bene comune e la dignità della persona umana alcune proposte fondamentali che riguardano gli estremi bisogni di milioni di famiglie italiane, molte delle quali scivolate nello stato di povertà (relativa o assoluta) per debiti divenuti inesigibili.

Per quanto riguarda il gioco con vincita in denaro si chiede “un impegno speciale ed urgente ai rappresentanti delle istituzioni democratiche del Paese affinché si limiti in maniera concreta ed effettiva l’esposizione al rischio patologico dei suoi cittadini. Il divieto della promozione pubblicitaria è solo un primo importante passo così come la predisposizione di misure giuridiche per il sostegno alle famiglie precipitate in miseria per uno o più congiunti in stato di dipendenza dall’azzardo: questi dovrebbero essere i primi e più urgenti interventi da realizzare, accompagnandoli con iniziative di cultura preventiva. La Consulta Nazionale Antiusura riconosce e apprezza pienamente il valore dell’impegno di un numero sempre più crescente di amministratori locali e di alcune Consigli regionali che quotidianamente cercano di contenere gli effetti dell’epidemia da gambling sui propri territori”.

(Fonte: Gioconews.it) A. Bargelloni

Condividi

Articoli correlati

Video