ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Cultura, Economia, Editoriale, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Restyling: Cifone News Blog

Attualità, Attualità e Politica

Richiesta di processo per Luciano Canfora perchè “diffamò” Giorgia Meloni. Il sostegno delle associazioni

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Al Senato il convegno ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’

Attualità, Forze dell'ordine

Bari, inchiesta su truffa per ottenere fondi pubblici di ‘Garanzia Giovani’. Perquisizioni

Attualità

Continuano a tremare i comuni flegrei. Circa 90 terremoti in 24 ore

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Matera: 150mila euro di sanzioni per gioco d’azzardo illegale

Belgio, divieto sponsor gioco d’azzardo? Il ciclismo scomparirebbe

Per quanto riguarda le squadre di ciclismo, lo sponsor è l’unica fonte di guadagno. Nel ciclismo non ci sono, infatti, biglietti o diritti tv. Potete quindi immaginare le conseguenze della scomparsa di un settore che sta andando bene nonostante le varie crisi che abbiamo attraversato e che sarà estremamente difficile sostituire in termini di contributo finanziario”. Sono le parole di Christophe Brandt, general manager della Bingoal, intervistato da La Dernière Heure sulle drammatiche conseguenze per il ciclismo della legge contro il gioco d’azzardo in Belgio. Questo vorrebbe dire la sparizioni di molti degli sponsor delle attuali squadre di ciclismo. La maggior parte di queste, infatti, si appoggiano ad aziende che lavorano nel campo delle scommesse e del gioco d’azzardo: se nel caso di Lotto-Dstny, Bingoal WB  e Intermarché – Circus – Wanty questa situazione è evidente a partire dal nome e quindi riguarda il main sponosr, anche la Soudal – QuickStep potrebbe perdere il supporto di Napoleon Games.

“Credo sia importante legiferare in questo settore – aggiunge Brandt – ma è importante farlo consultando i vari attori. Il ciclismo è uno sport nomade e sarebbe a dir poco paradossale vietarci di correre in Belgio con il logo del nostro partner che potremmo mettere, invece, sulle maglie al Tour de France, evento che garantisce il 70% della nostra esposizione mediatica annuale. Il problema va affrontato a livello sovranazionale“.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video