ultime notizie

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Redazione

Altenar, un prodotto personalizzabile chiave del successo

Attualità, Economia, Gaming, Redazione

America Latina, mondo del gioco a confronto al Gat Caribe Cancun

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza

Finale in grande stile ad Amsterdam per iGb live, la ‘casa’ del Gaming

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

Belgio, l’età legale per il gioco d’azzardo alzata a 21 anni. Divieto assoluto di pubblicità

L’età legale per il gioco d’azzardo in Belgio aumenterà da 18 a 21 anni a partire dal 1° settembre. L’ente regolatore belga del gioco d’azzardo, Kansspelcommissie, ha confermato che andrà avanti con l’attuazione della proposta di aumento dell’età minima per il gioco d’azzardo.

Il Belgio ha già applicato un requisito di età superiore ai 21 anni per i casinò e le sale giochi tradizionali, ma la restrizione verrà ora estesa a tutte le forme di gioco d’azzardo. Inoltre ha già vietato tutte le forme di pubblicità del gioco d’azzardo con una misura entrata in vigore nel luglio dello scorso anno. Da settembre, agli operatori autorizzati sarà inoltre vietato offrire scommesse gratuite, bonus o regali come incentivi, e non potranno promuovere l’igaming su siti che offrono scommesse sportive, bingo o poker.

Il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo negli stadi di calcio entrerà in vigore già dal 1° gennaio 2025. L’associazione belga degli operatori del gioco d’azzardo, BAGO, si è opposta alle nuove misure. Il presidente Tom De Clercq, ha dichiarato: “BAGO si è ripetutamente espresso a favore della limitazione della pubblicità, anche attraverso i media tradizionali. Ma abbiamo sempre avvertito che il divieto totale della pubblicità nei luoghi in cui sono massicciamente presenti operatori illegali, soprattutto online, avrà gravi effetti collaterali. Dobbiamo ancora una volta concludere che i politici ignorano le soluzioni che abbiamo proposto e optano per formule populiste”.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video