ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, i numeri del gioco in Puglia: superata media nazionale con 2.132 euro pro capite

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Roma, Camera: sul gioco dati allarmanti. Un italiano su tre gioca e non intende smettere

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Camera, Bosi sul gioco d’azzardo: “Va tutelato attraverso il suo ridimensionamento”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Cafiero de Raho: “Una cosa è il gioco legale, un’altra il gioco legale che si offre ovunque”

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Operazione ‘Easy slot’: con password 37enne controllava vincite di slot machine, 3 arresti.

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

ATS Val Padana approva quinta edizione del “Piano locale per il contrasto al gap”

Calabria, ‘No Slot day’, Bruni: “Sostenere iniziative contro il gioco d’azzardo”

“Oggi ricorre la giornata del ‘No Slot Day’ e tutti dovremmo dare una mano nel sostenere iniziative di questo tipo contro il gioco d’azzardo patologico. È importante pensare a una strategia di prevenzione che coinvolga tutte le componenti della società per operare una efficace opera di contrasto alla ludopatia”. A ricordarlo in una nota Amalia Bruni (Partito democratico) e vice presidente della Commissione Antindrangheta al Consiglio regionale della Calabria.

“La legge regionale numero 9/2018 voluta dall’allora presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta Arturo Bova, aveva imposto nuove regole in grado di disciplinare il gioco nel rispetto degli imprenditori del settore ma con l’obiettivo di tutelare i giocatori. Nello specifico – prosegue Bruni – l’articolo 54 istituiva il “No Slot Day” , con lo scopo di prevenire e contrastare il rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico. Di fatto, la celebrazione del “NO SLOT DAY” è stata promossa il primo anno per poi passare in sordina. Ed é stato un errore, così come é stato un errore, da parte di questa maggioranza, approvare una nuova legge più permissiva e con meno controlli. E allora tocca a noi tutti tenere alta la guardia e mantenere la massima attenzione. Dovremmo riflettere seriamente sulle implicazioni sociali e socio-sanitarie della ludopatia e del gioco patologico, dai costi sociali che la sanità deve affrontare per farsi carico dei problemi legati alla ludopatia, agli interessi criminali che ruotano attorno al business del gioco con possibili conseguenze di usura, riciclaggio ed estorsione”.

Condividi

Articoli correlati

Video