ultime notizie

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Redazione

Altenar, un prodotto personalizzabile chiave del successo

Attualità, Economia, Gaming, Redazione

America Latina, mondo del gioco a confronto al Gat Caribe Cancun

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza

Finale in grande stile ad Amsterdam per iGb live, la ‘casa’ del Gaming

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

E-sport, l’imprenditore Cicolari in audizione: “Vuoti normativi. Non ci sono certezze sul nostro lavoro”

E’ ancora molto nebulosa la legislatura in materia di e-sport in Italia.  Alessio Cicolari, imprenditore e titolare di Ak Informatica, audito dalle Commissioni riunite Cultura e Lavoro della Camera sulla risoluzione riguardante l’introduzione di una disciplina degli e-sport, ha dichiarato: “Chiedo un occhio di riguardo verso la categoria dei giovani imprenditori che rappresento. Oggi vediamo violato il diritto costituzionale della libera impresa, allo stato attuale ci troviamo infatti in una morsa di vuoti normativi. Non ci sono certezze, non è chiaro se il nostro lavoro può essere fatto o meno, ma tutti sanno che un imprenditore deve avere delle regole. Per me servono più definizioni che norme, perchè non avere definizioni lascia una discrezionalità troppo ampia a chi sanziona. Lavorando all’estero mi sono accorto che lì puoi fare tutto quelo che non è vietato, mentre in Italia è meglio fare solo quello che è espressamente consentito. Chiediamo alla Commissione – conclude Cicolari – di valutare la separazione completa degli apparecchi utilizzati commercialmente tutti giorni per gaming ed e-sport da quello che è il comparto 6 e 7 C del Tulps. Calcolate infine che all’interno di questo sistema c’è anche tutto l’indotto generato dai produttori di hardware, che non è indifferente”.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video