ultime notizie

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Conferenza Unificata approva ddl su Delega fiscale

Attualità, Gaming

Vercelli, alla Fiera di Maggio di Confesercenti uno spazio per il Gap Tour

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming

Siena, denunciato 29enne per detenzione di cocaina e 40mila euro di fiches

Attualità, Sports

Calcio e razzismo. Lo sfogo di Vinicio Junior su Instagram: “Non è calcio, è inumano”

Attualità, Gaming

Distante (Sapar): “Gioco, legge delega deve portare normativa unica su territorio nazionale”

Attualità, Attualità e Politica, Gaming

Emergenza Emilia Romagna. Antonelli (Fit): “Siamo lieti di poter contribuire con Lotteria”

Chillàn (Cile), lotta ai “casinò popolari”. Benavente: “Invito i parlamentari a generare regolamenti chiari”

La lotta ai cosiddetti “casinò popolari” è uno dei punti all’ordine del giorno nella prossima sessione del consiglio comunale di Chillán in Cile. La consigliera Brígida Hormazábal ha detto di questi stabilimenti, secondo quanto riportato dal media locale La Discusión: “Con disagio, la comunità vede come il Paseo Arauco, che fa parte del cuore centrale di Chillán, si sta riempiendo di questi famosi casinò, alcuni hanno addirittura un cartello con scritto ‘Aperti 24 ore su 24’, che lavorano a porte chiuse e adesso dicono che si riservano di aprire a chi vogliono”.
Lo vediamo in tutto il Cile, c’è un problema legale, ovvero che prendono una licenza per i giochi di abilità locali e tuttavia non è possibile certificare che queste macchine siano effettivamente conformi a quell’etichetta e non a quella delle slot machine, cosa che è vietata”, ha aggiunto il sindaco Quenne Aitken, sostenendo che “si moltiplicano come una piaga, ottengono molte risorse e per loro pagare multe non significa nulla”.

A gennaio, il sindaco del capoluogo, Camilo Benavente, ha dichiarato che si sta lavorando alle sale da gioco e ha spiegato che negli ultimi due mesi sono già state comminate multe a più di 100 di queste strutture e che, a seguito di dall’analisi della questione effettuata dal consiglio comunale, sarà attuato un nuovo provvedimento.
In questo senso, il capo della comunità ha spiegato che sarà creata una brigata che si dedicherà esclusivamente ai casinò popolari e ha aggiunto: “Stiamo vedendo con i tribunali della Polizia Locale, come possiamo requisire le macchine perché abbiamo fatto tutti gli sforzi come installare catene e spedire pezzi, ma niente è bastato. Ciò che ci resta è che la legge ci consente di farlo e per questo stiamo costruendo una sorta di argomentazione legale per poterlo fare”, ha detto Benavente.
Il funzionario ha assicurato che “la legge è piuttosto ambigua e invito i parlamentari a generare una volta per tutte regolamenti chiari sui casinò popolari. Tutte le città del Cile sono nella stessa condizione e quel grado di tolleranza interpretativa favorisce questi luoghi”.
Oggi si stima che ci siano 26 casinò popolari a Chillán e si prevede che tra gli ultimi giorni di febbraio e i primi giorni di marzo “effettueremo alcune intense operazioni. Abbiamo già incontrato i giudici della Polizia Locale e abbiamo coordinato due azioni insieme ai Carabineros, al Pdi e ad altri enti per rivedere i problemi dell’immigrazione e la situazione occupazionale dei dipendenti”, ha anticipato Alejandra Martínez, direttrice dell’unità di sicurezza e ispezione della comunità Comune di Chillan. (https://www.gioconews.it/casino/esteri/cile-chillan-dichiara-guerra-ai-casino-illegali.aspx)

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Banda delle fiches: maxi evasione a da 90mln

Per la Procura di Brescia hanno investito i proventi di un’evasione milionaria in fiches per i casinò di Venezia, Sanremo, Campione d’Italia e Saint Vincent. Da qui “banda delle fiches”. Come riporta IlGiorno

Video