ultime notizie

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Redazione

Altenar, un prodotto personalizzabile chiave del successo

Attualità, Economia, Gaming, Redazione

America Latina, mondo del gioco a confronto al Gat Caribe Cancun

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza

Finale in grande stile ad Amsterdam per iGb live, la ‘casa’ del Gaming

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

l’International Tennis Integrity Agency (ITIA) mette al bando tennista italiano per scommesse

Il tennista italiano Andrea Rita bandito per 15 mesi dallInternational Tennis Integrity Agency (ITIA) per aver violato le regole sulle scommesse tra il 2018 e il 2020. Si tratta di quattro violazioni del Programma anti-corruzione ITIA Tennis (TACP) per cui il tennista sarà bandito da tutte le forme di tennis professionistico dal 26 gennaio 2024 al 25 aprile 2025. Il divieto copre sia il gioco che la partecipazione a eventi sanciti dai membri ITIA e dalle associazioni nazionali.

Rita è l’ultimo giocatore ad essere bandito dall’ITIA per contrastare la corruzione nel tennis. All’inizio di questo mese, il francese Maxence Broville è stato squalificato per un totale di sette anni. Ciò è avvenuto dopo che non aveva collaborato a un’indagine anticorruzione. Il giocatore francese Leny Mitjanam è stato squalificato per 10 anni dopo essere stato riconosciuto colpevole di corruzione e di reati di partite truccate. Anche il tunisino Anis Ghorbel è stato squalificato tre anni per aver truccato partite nel 2016 e nel 2017. Ma non sono solo i giocatori al vaglio dell’Agenzia. Il funzionario bosniaco Damjan Dejanovic è stato provvisoriamente sospeso in relazione alle accuse di corruzione pendenti; 16 anni invece per il funzionario bulgaro Stefan Milanov per reati di corruzione. Uno dei casi più complessi è stato un procedimento penale su delle partite truccate in Belgio. La collaborazione tra l’ITIA e le autorità belghe ha portato a una pena detentiva di cinque anni per il leader del sindacato Grigor Sargsyan.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video