ultime notizie

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza, Redazione

Altenar, un prodotto personalizzabile chiave del successo

Attualità, Economia, Gaming, Redazione

America Latina, mondo del gioco a confronto al Gat Caribe Cancun

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza

Finale in grande stile ad Amsterdam per iGb live, la ‘casa’ del Gaming

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

Senato, parere favorevole al Decreto PVR. Zamparelli: “Accolte tutte le richieste di FIT-STS”

Parere favorevole della Commissione Finanze del Senato al “Decreto PVR” sul riordino del comparto del gioco d’azzardo online. Una volta completato l’iter, il testo approderà in Consiglio dei Ministri per la sua approvazione definitiva. Si dice soddisfatto il presidente del Sindacato Totoricevitori Sportivi, Emilio Zamparelli: “Sottolineiamo che nel suo parere, la Commissione Finanze del Senato ha accolto in pieno le richieste avanzate da FIT e STS nel corso dell’audizione dello scorso 7 febbraio. In particolare – prosegue Zamparelli -, la Commissione ha accolto la richiesta di aumentare il limite settimanale delle ricariche effettuabili dai punti vendita ricarica. I senatori hanno evidentemente concordato sul fatto che porre una soglia eccessivamente limitativa dell’operatività dei PVR non avrebbe alcun senso, considerato che ogni passaggio del sistema, dall’attività di ricarica alla singola operazione di gioco fino all’attività di prelievo, è puntualmente tracciato. Il Senato – chiosa Zamparelli – ha accolto anche la richiesta di ridurre l’importo annuale di iscrizione all’albo dei punti vendita di ricarica. Sul punto, STS aveva evidenziato come l’importo fissato nello schema di decreto fosse eccessivamente oneroso rispetto ai ricavi degli esercenti, tenuto conto dei volumi medi di ricariche realizzate attraverso questo canale. Questi due principi vanno nella direzione di garantire la sostenibilità dell’attività dei punti di vendita di ricarica a conferma della loro insostituibile funzione nella filiera di raccolta dei giochi pubblici”.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video