ultime notizie

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza, Politica

Campione 2.0: ‘Un consiglio comunale urgente e straordinario sui conti dell’ente’

Attualità, Gaming, In Evidenza, Politica, Tempo libero

Ai Girls: oltre 300 studentesse per la prima edizione, Igt al lavoro per la seconda

Attualità, Gaming, Politica, Salute

Divieto pubblicità gioco, Consiglio di Stato sospende sentenza del Tar Lazio

Cagliari, al teatro del Segno va in scena “GAP. Gioco d’Azzardo Patologico: rovinarsi è un gioco”

Il dramma del gioco d’azzardo patologico va in scena al Teatro del Segno a Cagliari. “GAP | Gioco d’Azzardo Patologico – rovinarsi è un gioco” scritto, diretto e interpretato da Stefano Ledda è in programma da lunedì 18 marzo fino a venerdì 22 marzo alle 9:30 e alle 11:30, con una recita serale venerdì 22 marzo alle 20 al TsE di Is Mirrionis in via Quintino Sella a Cagliari nell’ambito del progetto pluriennale Teatro Senza Quartiere / per un quartiere senza teatro 2017-2026.

La pièce ispirata a notizie di cronaca e dati reali descrive la “discesa agli inferi” di un uomo la cui vita va in pezzi a causa della passione per il videopoker: una storia emblematica per mettere in luce le insidie nascoste dietro un “innocuo passatempo” che per alcuni soggetti pi “fragili” rischia di trasformarsi in una vera e propria “dipendenza” capace di stravolgere la loro esistenza e quella dei loro cari. GAP / Gioco d’Azzardo Patologico” è il fulcro del progetto “Sardegna 2023-2024 | Rovinarsi è un Gioco” promosso dal Teatro del Segno che riparte da Is Mirrionis con cinque intense giornate di spettacoli e incontri dedicate agli studenti per sensibilizzare e informare i ragazzi e gli adolescenti sugli “effetti collaterali” che il fascino del gioco e il brivido dell’azzardo possono avere su individui e società, attraverso la forza espressiva e comunicativa del teatro, con momenti di riflessione e confronto con psicologi, con esperti e operatori dei SerD.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video